Il cotone colorato del Cantaro d’Oro

Home/Riflessioni/Il cotone colorato del Cantaro d’Oro

Ho scelto un titolo che in qualche maniera assomigliasse a ‘il cavallo bianco di Napoleone’ perché anch’io come lui mi sento descritto da un cavallo da guerra, la mia mente. Purtroppo non posso raccontare di essere condotto incolume, per merito di essa, attraverso la battaglia di Marengo ma posso affermare di aver vinto molte battaglie. Forse molte di queste le combattono tutti, tutti i giorni. Allora perché parlare di qualcosa di così poco straordinario, apparentemente? Perché la mente, con i suoi processi, fa trasparire il nostro temperamento. Sono rappresentati i tratti più segreti della nostra personalità e a questi dovremmo dare la giusta attenzione.

Potete immaginare quanto possa essere brillante l’immaginazione di un bambino, un luogo magnifico che caratterizza l’intera infanzia. Un evento, raccontato dai miei cari e dalla mia memoria, fa trasparire con forza il mio mondo immaginario ma soprattutto il mio temperamento, quell’unicità che oggi probabilmente mi permette di costruire una professione e delle relazioni interessanti.

Quand’ero piccolo, durante le festività, ero solito ricevere molti doni, soprattutto giocattoli che stimolassero la mia creatività; quasi tutti voi avrete giocato con i Lego e con le Micro Machines ma, un Natale, qualcosa iniziò a stimolare molto più la mia immaginazione ed i familiari, attorno a me, ne furono basiti: mio nonno, chissà per quale ragione (non ho mai avuto l’occasione di domandarglielo), mi regalò una confezione di COTONE COLORATO. Sì esatto, del semplice cotone! Ci giocai per mesi. I miei genitori, continuamente stupiti, trovavano batuffoli di cotone ovunque, soprattutto nelle tasche dei pantaloni nel cestone degli indumenti da lavare.

Devo ringraziare la Dott.ssa Diana Toso, Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale di Padova, per l’illuminante riflessione fatta attorno a questo episodio.

Per avere successo in ogni momento della nostra vita, e non mi riferisco all’inventare il nuovo Facebook, dobbiamo agganciarci a questi ricordi per percepire i segnali del nostro temperamento e quali punti di forza ci mette a disposizione.

Giunta è la primavera e festosi la salutano gli uccelli con un lieto canto…

 

2017-07-02T11:14:34+00:00